Comunità Italiana Freiburg |

Messa live

Messa in streaming domenicale

Messa XIII Tempo ordinario A (28.06.2020)

Canto iniziale: Popoli tutti (RnS)

Mio Dio, Signore, nulla è pari a te
Ora e per sempre, voglio lodare
Il tuo grande amor per me
Mia roccia tu sei, pace e conforto mi dai
Con tutto il cuore e le mie forze
Sempre io ti adorerò

Popoli tutti acclamate al Signore
Gloria e potenza cantiamo al re
Mari e monti si prostrino a te
Al tuo nome, o Signore
Canto di gioia per quello che fai
Per sempre Signore con te resterò
Non c’è promessa non c’è fedeltà che in te

Mio Dio (mio Dio) Signore, nulla è pari a te
Ora e per sempre, voglio lodare
Il tuo grande amor per me
Mia roccia tu sei, pace e conforto mi dai
Con tutto il cuore e le mie forze
Sempre io ti adorerò

Popoli tutti acclamate al Signore
Gloria e potenza cantiamo al re
Mari e monti si prostrino a te
Al tuo nome, o Signore
Canto di gioia per quello che fai
Per sempre Signore con te resterò
Non c’è promessa non c’è fedeltà che in te
Popoli tutti acclamate al Signore
Gloria e potenza cantiamo al re
Mari e monti si prostrino a te
Al tuo nome, o Signore
Canto di gioia per quello che fai
Per sempre Signore con te resterò
Non c’è promessa non c’è fedeltà che in te
Non c’è promessa non c’è fedeltà che in te
Non c’è promessa non c’è fedeltà che in te

Prima Lettura

Dal secondo libro dei Re 2Re 4,8-11.14-16

Un giorno Eliseo passava per Sunem, ove c’era una donna facoltosa, che l’invitò con insistenza a tavola. In seguito, tutte le volte che passava, si fermava a mangiare da lei. Essa disse al marito: “Io so che è un uomo di Dio, un santo, colui che passa sempre da noi. Prepariamogli una piccola camera al piano di sopra, in muratura, mettiamoci un letto, un tavolo, una sedia e una lampada, sì che, venendo da noi, vi si possa ritirare”.
Recatosi egli un giorno là, si ritirò nella camera e si coricò. Eliseo chiese a Giezi suo servo: “Che cosa si può fare per questa donna?”. Il servo disse: “Purtroppo essa non ha figli e suo marito è vecchio”. Eliseo disse: “Chiamala!”. La chiamò; essa si fermò sulla porta. Allora disse: “L’anno prossimo, in questa stessa stagione, tu terrai in braccio un figlio”. Parola di Dio.

Salmo Responsoriale – Dal Sal 88 (89)

Canterò per sempre l’amore del Signore.

Canterò senza fine le grazie del Signore,
con la mia bocca annunzierò la tua fedeltà nei secoli,
perché hai detto: “La mia grazia rimane per sempre”;
la tua fedeltà è fondata nei cieli. R.

Beato il popolo che ti sa acclamare
e cammina, o Signore, alla luce del tuo volto:
esulta tutto il giorno nel tuo nome,
nella tua giustizia trova la sua gloria. R.

Perché tu sei il vanto della sua forza
e con il tuo favore innalzi la nostra potenza.
Perché del Signore è il nostro scudo,
il nostro re, del Santo d’Israele. R.

Seconda Lettura

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani  – Rm 6,3-4.8-11

Fratelli, quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte. Per mezzo del battesimo siamo dunque stati sepolti insieme a lui nella morte, perché come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo camminare in una vita nuova.
Ma se siamo morti con Cristo, crediamo che anche vivremo con lui, sapendo che Cristo risuscitato dai morti non muore più; la morte non ha più potere su di lui.
Per quanto riguarda la sua morte, egli morì al peccato una volta per tutte; ora invece per il fatto che egli vive, vive per Dio.
Così anche voi consideratevi morti al peccato, ma viventi per Dio, in Cristo Gesù. Parola di Dio.

Acclamazione al Vangelo

Alleluia, alleluia (coro Freiburg)

Voi siete stirpe eletta, sacerdozio regale, nazione santa;
proclamate le opere ammirevoli di colui che vi ha chiamato
dalle tenebre alla sua luce meravigliosa.  (Cfr. 1Pt2,9)

Alleluia.

Vangelo

Dal Vangelo secondo Matteo – Mt 10,37-42

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: “Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me; chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di me.
Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.
Chi accoglie un profeta come profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto come giusto, avrà la ricompensa del giusto.
E chi avrà dato anche solo un bicchiere di acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è mio discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa”. Parola del Signore.

Preghiera dei fedeli

  1. Signore, dona alla tua Chiesa l’entusiasmo, la passione del Vangelo e la gioia di poter comunicare a tutti che Dio ama questo nostro tempo e che ci vuole salvare, preghiamo
  2. Signore, fa’ che mettiamo te al di sopra di tutto, dacci coraggio per parlare chiaro, ogni nostra scelta sia condizionata dalla tua Parola, e fa’ che ricordiamo che ogni nostro gesto, seppur piccolo, come donare un sorso d’acqua, non rimarrà senza ricompensa, preghiamo
  3. Per quanti sentono la chiamata a seguire Gesù, scelta di vita impegnativa, ma anche appassionante, perché abbiano forza e coraggio e siano uomini e donne di pazienza instancabile e non si spaventino davanti alle difficoltà e agli insuccessi, preghiamo
  4. Signore , ti preghiamo per le nostre famiglie, donaci di aprire le nostre case agli “uomini di Dio”. Fa’ che la nostra ospitalità, la nostra accoglienza diano a padre Sergio e a tutti i sacerdoti, la gioia di sentirsi in famiglia, preghiamo
  5. Signore, quando sentiamo pesare la croce, aiutaci a vedere quella che gli altri portano a fatica. Aiutaci a capire che solo portando la nostra tu ci riconosci discepoli e cammini con noi, preghiamo
  6. Ti preghiamo per gli immigrati, per gli extracomunitari, perché trovino nelle nostre comunità cristiane accoglienza generosa, ospitalità disinteressata, comprensione fraterna, noi ti preghiamo
  7. Ti preghiamo, Signore, per Patrice, giovane seminarista dehoniano che studia a Freiburg che ha perso gli affetti più cari lontano dal suo Paese, in Madagascar. Donagli  consolazione pensando che tra le tue braccia i suoi cari hanno ritrovato l’amore vero, perché questa è la vita che tu ci hai promesso. Dagli forza e sostegno per continuare il suo cammino, preghiamo

Canto di offertorio: Servire è regnare (Gen Verde-Rosso)

Guardiamo a te che sei maestro e signore
chinato a terra stai ci mostri che l’amore
è cingersi il grembiule sapersi inginocchiare
ci insegni che amare è servire.

Fa che impariamo signore da te
che più grande chi più sa servire
chi si abbassa è chi si sa piegare
perché grande è soltanto l’amore.

È ti vediamo poi maestro e signore
che lavi i piedi a noi che siamo tue creature
e cinto del grembiule che manto tuo regale
ci insegni che servire è regnare.

Fa che impariamo signore da te
che più grande chi più sa servire
chi si abbassa è chi si sa piegare
perché grande è soltanto l’amore.

Santo (coro Freiburg)

Canto di comunione: Custodiscimi (coro AltreNote)

Ho detto a Dio: “Senza di te
alcun bene non ho, custodiscimi”.
Magnifica è la mia eredità. Benedetto sei tu,
sempre sei con me.

Custodiscimi, mia forza sei tu.
Custodiscimi, mia gioia, Gesù. (2x)

Ti pongo sempre innanzi a me
al sicuro sarò, mai vacillerò!
Via, verità e vita sei; mio Dio credo che
Tu mi guiderai.

Custodiscimi, mia forza sei tu.
Custodiscimi, mia gioia, Gesù. (2x)

Preghiera di comunione

Tu sai, Gesù, che i tuoi discepoli
si troveranno come agnelli in mezzo ai lupi.
Li hai mandati in missione senza fornirli
di una attrezzatura minima,
forti solo della Parola che hai loro affidata
e del tuo potere che hanno ricevuto.
Sono disarmati ed esposti al rifiuto,
a tante situazioni spiacevoli,
e devono affrontare i disagi del viaggio.
Non sono semplici prestatori d’opera,
ma sono legati a te da un rapporto particolare:
la loro missione, in effetti, è la tua.

Chi li accoglierà, allora, accoglierà te,
chi li rifiuterà, rifiuterà te.
E il Padre tuo che ti ha mandato.
Ecco perché dobbiamo pensarci bene
quando accampiamo pretesti
per mettere alla porta i tuoi discepoli,
coloro che ci portano il Vangelo.

Di fatto rifiutiamo la salvezza che ci offri,
ci tagliamo fuori volontariamente
da un disegno di grazia.
Perché tu vuoi continuare a servirti
di uomini e di donne, con la loro fragilità,
con i loro difetti e i loro limiti
per far arrivare dovunque il tuo amore.
Nella loro persona come nella tua
si rende presente la bontà di Dio,
la sua volontà di misericordia,
il suo desiderio di entrare
in comunione con tutta l’umanità.
Amen

Canto finale: Yesu azali awa (canto congolese- coro AltreNote)

Yesu azali awa
Jesus is here
Yesu azali awa
Jesus is here
Yesu azali awa na biso
Jesus is here with us

Yesu azali awa
Jesus is here
Yesu azali awa
Jesus is here
Yesu azali awa na biso
Jesus is here with us

Oh, oh
Alleluia, alleluia
Alleluia na Yesu
Alleluia to the Lord
Alleluia, alleluia
Alleluia na Yesu
Alleluia to the Lord

Biso toko komo kuna
We are going there
Biso toko komo kuna
We are going there
Biso toko komo kuna na lola
We are going there to heaven
Biso toko komo kuna
We are going there
Biso toko komo kuna
We are going there
Biso toko komo kuna na lola
We are going there to heaven