Comunità Italiana Freiburg |

Preghiere

Gv 20,1-9

Risorgere

di MONICA CANTIANI

Non è un verbo al futuro, Signore.
Non accadrà alle fine dei nostri giorni, brevi o lunghi che siano.
Ogni volta che noi volgiamo lo sguardo e porgiamo la mano al nostro vicino che soffre, noi risorgiamo Signore.
Ogni volta che accompagniamo chi muore solo, lontano da affetti e carezze, e gli teniamo la mano, noi risorgiamo Signore.
Ogni volta che ascoltiamo chi ha bisogno di accoglienza e di un cuore che si unisca al suo, noi risorgiamo Signore.
Ogni volta che asciughiamo il pianto di chi resta solo, di chi non trova più il senso, di chi non si sente amato, noi risorgiamo Signore.
Ogni volta che perdoniamo, anche se non ci viene richiesto, anche se non c’è il pentimento,
solo perché tu possa agire nel cuore di chi ci ha ferito, noi risorgiamo Signore.
Ogni volta che amiamo come Gesù ha amato e ama ancora,
le nostre sorelle e i nostri fratelli, i nostri amici e i nostri nemici,
chi ci è vicino e chi è lontano, chi è presente e chi non lo è,
senza barriere e senza distinzioni, senza guadagno e senza riconoscimento,
con la gioia nel cuore e la luce sul volto, noi viviamo da risorti Signore.
Con Te. Qui e ora.